Colori Acrilici

0 Articolo

Sebbene il processo di produzione delle resine acriliche fosse già brevettato dal 1915, le dispersioni delle resine acriliche sono state sviluppate solo all'inizio degli anni '30 o prodotte industrialmente dal 1950 circa. Sono stati inizialmente creati come pitture e vernici per il commercio, l'industria e la casa e utilizzati nella pittura murale. Per l'applicazione in colori d'artista sono arrivati solo all'inizio degli anni '60 sul mercato europeo. L'ulteriore sviluppo dei colori acrilici è stato influenzato da pittori sperimentali (pittori murali messicani o artisti Pop Art americani come Roy Lichtenstein o Andy Warhol).

Le proprietà specifiche della vernice acrilica sono determinate dall'uso di sistemi leganti in acrilato puro. Quando è bagnato, il legante è bianco latteo e inizialmente schiarisce il colore otticamente. L'intensità dei pigmenti utilizzati si fa sentire solo dopo che il colore si è asciugato. Le vernici acriliche asciugano anche in strati spessi senza screpolature, permanentemente elastiche, impermeabili e resistenti all'invecchiamento. A differenza dei colori ad olio e acquerello, i colori acrilici aderiscono a tutte le superfici pulite e prive di grasso come tela, carta, gesso, pelle, metallo e legno. Le vernici acriliche sono idrosolubili e possono essere rimosse (purché inumidite) con un panno umido. Inoltre, gli attrezzi e le mani possono essere puliti con acqua e sapone. La vernice è quasi inodore, non infiammabile e pericolosa per la salute.

Le vernici acriliche hanno un'ampia gamma di varianti: con l'applicazione di vernici diluite si possono ottenere effetti di lucentezza simile all'acquerello (impermeabile!), con l'applicazione di vernici pastose si possono creare strutture superficiali a rilievo (come nella pittura a olio).