+49 (0)30 690 360Spedizione standard CO₂-neutrale gratuita da ab 79€ (DE)Restituzione gratuita entro 30 giorni con spedizione standard (DE)

Colori A Olio

0 Articolo

Le pitture ad olio sono macchie pastose in cui oli vegetali (a volte anche soluzioni resinose) fungono da leganti. Solventi come l'olio di trementina vengono utilizzati come agenti vernicianti e diluenti. Vernici ad olio a secco per resinificazione del legante ed evaporazione del solvente. La velocità di asciugatura dipende, tra l'altro, dal legante utilizzato. Il legno, la tela o il cartone sono adatti come terreno di pittura. Può essere necessario primerizzare il supporto di verniciatura in modo che sia disponibile un supporto neutro e che i leganti non vengano rimossi dal pigmento colorato da un supporto troppo assorbente.

La pittura ad olio richiede molta esperienza nel trattare con i colori, ma è apprezzata da molti artisti per le sue buone caratteristiche tecniche: la solidità alla luce, l'opacità, la durata e la brillantezza del colore della pittura ad olio sono insuperabili. La pittura ad olio si differenzia in particolare per il tempo di essiccazione rispetto alle vernici acriliche e a guazzo. Anche con spessori di applicazione sottili può richiedere diversi giorni, con strati più spessi fino a settimane. Questa proprietà predestina le vernici a olio, specialmente per lavori di grande formato e per la tecnica "bagnato su bagnato su bagnato". La vernice finale può essere applicata solo dopo la completa asciugatura e indurimento dell'inchiostro (spesso dopo più di un anno).

Dal XV secolo in poi, la pittura ad olio sostituì gradualmente la pittura a tempera, fino ad allora consueta, in cui i colori erano solitamente legati con caseina o tuorlo d'uovo. Uno dei primi e più famosi pittori a passare dalla tempera alla pittura a olio, ma che utilizza entrambe le tecniche miste e parallele, è stato l'olandese Jan van Eyck.