+49 (0)30 690 360Spedizione standard CO₂-neutrale gratuita da ab 79€ (DE)Restituzione gratuita entro 30 giorni con spedizione standard (DE)

Colori Gouache

0 Articolo

Il guazzo è una tecnica pittorica con acquerelli semiopaco e opaco a base di pigmenti macinati grossolanamente (con l'aggiunta di gesso) e del legante gomma arabica. Può essere utilizzato sia per le tecniche di pittura opaca che smaltata, combinando così i vantaggi dell'acquerello (smalti) e della pittura ad olio (pastos). Inoltre, le parti bianche dell'immagine possono essere progettate opache e non devono essere lasciate fuori come nella pittura ad acquerello.

Una volta essiccati, i colori si schiariscono rispetto al colore umido. Il guazzo rimane idrosolubile anche dopo l'asciugatura, in modo che parti di un quadro finito possano essere rimosse o sostituite di nuovo. Il colore si asciuga come il velluto opaco/pastello. Se si applica una vernice pastosa, la vernice è leggermente friabile ed è adatta solo per supporti rigidi o meno flessibili (tele tese, pannelli di legno,....). Gouache è adatto a tutti i comuni supporti immagine con applicazione di inchiostro sottile.

Il primo uso di colori a guazzo è documentato per l'illuminazione dei libri nell'Alto Medioevo. Solo nel XV secolo importanti artisti scoprirono da soli la tecnica della guazzo. Raffaello, Tiziano e Dürer hanno usato la guazzo per gli studi e le bozze, altri hanno sottolineato i loro dipinti ad olio con la guazzo. Solo nel XX secolo le tecniche pittoriche hanno acquisito maggiore importanza nei vari generi (fauvinismo, espressionismo, arte astratta....) con artisti come Matisse, Marc Chagall, Paul Wunderlich e Otto Müller.