NUOVOSALEBiblioteca materiale
Esplora Materiali e StrumentiUtensiliCampionario
Esplora StampiPietra ollareUtensili Per Modellare
Esplora Mobili e IlluminazioneMobili per bambiniConsulenza sui mobiliSui nostri mobili
Esplora CorniciCornici individuali
Esplora Carta e PenneCarta per pacchetti regaloCarta da pacchi
Esplora Deposito e conservazione
Esplora Arte
Esplora Ufficio e disegnare
Esplora Accessori Ufficio
Esplora Fai da teTubi Flessibili
Esplora Applicazione

Materiale per modellazione in latex

Silicone per modelliMateriale per modellazione in latexAlginatiKit per realizzazione di modelli

Informazioni sui composti in lattice per calco

Gli europei hanno scoperto le particolari proprietà del latte secreto dall'albero di lattice Hevea brasilensis nel XV secolo. I nativi del Sud America conoscevano da tempo le proprietà del lattice. Hanno chiamato l'albero della gomma "cahuchu" come "legno che piange", i francesi lo hanno fatto "caoutchouc".

Il nostro latte di lattice è una dispersione bianca a base di gomma naturale, che si indurisce in aria (si asciuga), si stabilizza con l'ammoniaca ed è già pre-vulcanizzato. La vulcanizzazione è il processo in cui le catene che non sono collegate da legami chimici nella gomma sono dotate di legami incrociati. Nel caso della gomma naturale, ad esempio, è la vulcanizzazione dello zolfo in cui le molecole di zolfo svolgono questo compito di incollaggio. Il numero di ponti di zolfo all'estremità determina la durezza della gomma.

Il latte di lattice viene utilizzato su scala industriale per produrre articoli di consumo per uso medico (ad esempio guanti, cateteri), ciucci per neonati, preservativi o palloncini giocattolo. Come materiale da impronta, è molto economico, ma ha anche degli svantaggi: La lavorazione è molto dispendiosa in termini di tempo e di manodopera e consente solo forme cutanee relativamente sottili. Sebbene il lattice indurito sia estremamente elastico e resistente allo strappo, ha una bassa resistenza allo strappo dopo essere stato strappato.

Conservazione e durata di conservazione

Essendo un materiale naturale senza quasi nessun additivo, il lattice polimerizzato è da un lato un materiale molto piacevole, ma dall'altro non così resistente come le gomme sintetiche o i siliconi. Non è resistente ai raggi UV e reagisce sensibilmente al contatto con detergenti contenenti solventi, oli, grassi o composti metallici contenenti rame. Gli stampi in lattice durano più a lungo se strofinati con polvere di talco dopo l'uso perché questo impedisce al lattice di attaccarsi a se stesso. Ciò dovrebbe essere ripetuto occasionalmente per periodi di stoccaggio più lunghi.

Allo stato liquido, il latte al lattice deve essere conservato in contenitori ermetici in plastica o acciaio inossidabile a temperature comprese tra +5 °C e max. 35 °C. Il latte al lattice deve essere conservato in un luogo fresco. In condizioni ottimali (20 °C), il materiale non polimerizzato può essere conservato per almeno 24 mesi.

Sicurezza e salute sul lavoro

Nonostante il suo bassissimo contenuto di NH3 (circa 0,3%), l'odore di ammoniaca è evidente durante la lavorazione. Tuttavia, a parte le consuete precauzioni per la manipolazione di sostanze chimiche, non sono necessarie misure speciali di sicurezza sul lavoro. Il latte al lattice non rientra nell'ordinanza sulle sostanze pericolose e non richiede etichettatura.