+49 (0)30 690 360Spedizione standard CO₂-neutrale gratuita da ab 79€ (DE)Restituzione gratuita entro 30 giorni con spedizione standard (DE)

Carta per acquarelli

0 Articolo

Informazioni sulla carta per acquerello

La carta adatta all'acquerello deve essere assorbente in una certa misura, ma anche resistente all'umidità, in modo che la struttura superficiale rimanga intatta e non si stacchi alcuna fibra di carta. La carta deve assumere un colore uniforme e, se la superficie è umida, i colori devono poter filtrare l'uno nell'altro. Queste proprietà dipendono dal collante nella carta. La carta senza collante (ad es. carta assorbente) assorbe così fortemente che è difficilmente adatta alla pittura e alla scrittura.

Più alta è la qualità e lo spessore della carta per acquerello, più umido si può lavorare. Ma anche le migliori carte per acquerello si deformano con una bagnatura unilaterale. Pertanto, è ideale bagnare entrambi i lati in modo uniforme con una spugna prima di iniziare a dipingere.

La nostra gamma di carte acquerello
Le nostre carte fatte a mano provengono da piccole cartiere dove la carta viene ancora prodotta come prima dell'industrializzazione. A tal fine, le fibre (di solito cotone, ma anche lino, canapa, ecc.) vengono triturate nel cosiddetto olandese e quindi scomposte in cellulosa. La polpa viene quindi posta in un grande tino (il tino) insieme all'acqua e mescolata bene in modo che le fibre galleggiano nel tino e formino una sospensione.

Quando la carta è raccolta, il cartaio immerge il telaio (un telaio con una tela metallica) nel tino con le fibre uniformemente distribuite in esso e lo solleva di nuovo non appena la quantità appropriata di fibre galleggia sopra il telaio immerso per produrre una carta dello spessore desiderato. In un processo leggermente diverso, la sospensione di fibre acquose viene versata sul telaio, che viene posto in una vasca d'acqua e distribuito uniformemente sulla superficie del filo. I fogli di carta fatti a mano sono quindi sempre unici, con bordi irregolari in formati leggermente diversi.

Per l'asciugatura, i fogli umidi vengono impilati tra le piastre di feltro di lana, quindi pressati e asciugati all'aria. A seconda dell'uso previsto, le carte vengono ancora incollate dopo l'essiccazione, pressate nuovamente e asciugate per ottenere una superficie che, assorbe l'acquerello nel modo desiderato. Le carte con una superficie ruvida assumono la struttura del feltro durante la pressatura - questo è noto come "marcatura del feltro". Le carte opache vengono pressate tra le lamiere di zinco, ottenendo così una struttura superficiale più liscia.

Le carte Khadi sono prodotte in India dalla "Khadi Paper Mill", fondata nel 1994 da giovani appassionati di carta provenienti dall'Inghilterra insieme a partner indiani per produrre carte artistiche di alta qualità per il mercato europeo. Nel frattempo Khadi Papers è l'unica cartiera indiana in grado di produrre a mano carta di grandi dimensioni da stracci (Cotton Rag) nella migliore qualità artistica. Nel 2005, il mulino impiegava oltre 50 persone provenienti dalla zona circostante. Inoltre, sono stati creati posti di lavoro in numerosi mestieri strettamente legati alla fornitura del mulino e alla lavorazione dei suoi prodotti.

Col la ditta Khadi anche le preoccupazioni ecologiche associate alla produzione della carta sono trattate con estrema attenzione. Questo vale soprattutto per l'acqua utilizzata, che è necessaria in grandi quantità per la produzione di carta - fino a 40.000 litri al giorno. L'acqua proviene dal proprio pozzo e viene riciclato fino a 8 volte prima di essere utilizzato per l'irrigazione nella propria azienda agricola. L'acqua fresca viene utilizzata prima per produrre la carta bianca, poi per i colori chiari e poi per i colori scuri, e poi per altri tipi di carta più semplici.

Naturalmente, Khadi non utilizza cloro o altri agenti sbiancanti. I coloranti per le carte colorate provengono da produttori europei e sono conformi a tutte le norme ambientali tedesche ed europee. Inoltre, tutte le carte in massa sono mescolate con colle sintetiche PH-neutro. Dopo l'essiccazione, le carte bianche vengono sottoposte ad un ulteriore trattamento superficiale con gelatina per creare una superficie perfetta per la pittura ad acquerello.

Khadi utilizza per la produzione della carta solo sezioni di cotone lavorato con tessuti provenienti da una vicina fabbrica di magliette, in quanto questi cosiddetti stracci (originariamente chiamati "stracci di cotone") possono raggiungere qualità ancora migliori, più solide e più stabili grazie alle fibre più lunghe rispetto ai linters di cotone, che provengono esclusivamente da semi di cotone. Si prega di notare questa caratteristica di qualità quando si confrontano le carte Khadi con carte fatte a mano realizzate con linters di cotone.

A differenza di molte altre carte in pasta di legno (cellulosa), che sono spesso commercializzate con il termine di qualità "acid-free", le carte di cotone sono e restano tali.

I formati indicati sono valori indicativi, poiché la carta fatta a mano originale ha bordi irregolari su tutti e 4 i lati. Generalmente non c'è un senso di marcia per la carta fatta a mano, in quanto le fibre di carta galleggiano caoticamente nel tino e vengono di conseguenza assorbite dal setaccio.

Segnaliamo espressamente questa marca, che oggi si trovano raramente, in quanto spesso anche i tipi di carta fatti a macchina sono denominati con il termine "carta di stracci". Il termine "carta di stracci" è spesso usato anche da altri fornitori per la carta strappata con bordo fibroso.

 

Di seguito verranno chiariti i termini che compaiono continuamente in relazione ad acquerelli e ad altre carte d'artista.

Alcalina tamponata: Il carbonato di calcio (gesso) viene aggiunto alla carta durante l'incollaggio per garantire che sia permanentemente priva di acidi e quindi resistente all'invecchiamento. Il carbonato di calcio neutralizza gli inquinanti acidi dell'aria e assicura che la carta rimanga permanentemente alcalina.

Resistenza all'invecchiamento: le carte e i cartoni denominati "altamente resistenti all'invecchiamento" corrispondono alla più alta classe di vita utile secondo le norme DIN 6738 e ISO 9706, vale a dire che mantengono le loro proprietà essenziali di utilizzo per diverse centinaia di anni. L'invecchiamento della carta, che non può essere completamente evitato, è ritardato dall'utilizzo di materie prime prive di legno come le fibre di cotone o la pasta alcalina a bassissimo contenuto di lignina. Nel processo di produzione della carta è anche importante che il formato sia neutro e che il carbonato di calcio sia aggiunto come tampone contro gli acidi.

Vera carta di stracci: il nome carta di stracci deriva dal processo di produzione, gli stracci vengono inseriti in un grande catino in cui viene preparata la polpa di carta e raccolta poi con il setaccio.

Solo le carte prodotte a mano o a macchina con il processo di scooping a cilindro possono essere descritte come vera carta posata, perché solo in questi due processi di fabbricazione il bordo della carta posata si forma organicamente con la formazione del foglio di carta. Il caratteristico bordo viene creato diluendo la pasta di carta bagnata sul bordo del setaccio. Poiché il formato finale della carta è determinato dalla divisione sul telaio, i bordi della carta sono sempre creati su tutti e quattro i lati. I bordi originali della carta non possono essere creati successivamente.

A differenza di quanto avviene con il processo di creazione da un tino, la miscela di acqua e fibre viene versata o spruzzata su un setaccio senza fine nella macchina Fourdrinier. Le carte Fourdrinier sono sempre prodotte in rotoli in un nastro senza fine e tagliate in fogli dopo la produzione. Pertanto, durante questo processo non si possono verificare dei veri e propri bordi grezzi. Inoltre, nel caso della carta prodotta sul cavo Fourdrinier, le fibre si orientano prevalentemente nella direzione di marcia del filo. Con le carte per stampi a cilindro, invece, le fibre sono distribuite in direzione longitudinale e trasversale quasi altrettanto uniformemente come con le carte fatte a mano, il che si traduce in un'elevata stabilità dimensionale e precisione dimensionale del foglio di carta. Queste proprietà sono particolarmente importanti per le carte da acquerello.

Stracci: Gli Hadern (un tempo stracci tessili, oggi termine generico per le fibre vegetali non legnose, ad esempio cotone o lino) sono il miglior materiale di partenza per la produzione di carta grazie alle loro fibre a catena lunga. Le carte di stracci o con un contenuto di stracci sono più resistenti all'invecchiamento e più robuste delle carte di cellulosa. Nella pittura ad acquerello, la carta contenente stracci è particolarmente utile quando si dipinge con tecniche molto bagnate.

Incollamento: nell'incollamento della massa o del tessuto, il collante viene aggiunto alla pasta di fibre prima della formazione del foglio, in modo da garantire un dimensionamento uniforme e completo di tutte le fibre. Durante la verniciatura, l'inchiostro può penetrare nella carta.

Dimensionamento neutro: Affinché la carta sia resistente all'invecchiamento e priva di acidi, il collante deve essere alcalino, cioè il suo valore di pH deve essere superiore a 7,0. Aggiungendo carbonato di calcio (gesso), la carta rimane permanentemente alcalina, che è il presupposto per un'elevata resistenza all'invecchiamento.

Incollamento della superficie: con l'incollamento della superficie, l'agente collante viene applicato sulla superficie asciutta dopo il completamento del foglio di carta. La carta incollata in superficie consente all'inchiostro di penetrare meno rapidamente e consente correzioni più frequenti.

Macchina per stampi cilindrici: vedi "Carta di stracci".

Senza acidi: vedere "incollamento neutro". Informazioni dettagliate sono disponibili anche nella categoria Passepartout e Museum Board.