+49 (0)30 690 360Spedizione standard CO₂-neutrale gratuita da ab 79€ (DE)Restituzione gratuita entro 30 giorni con spedizione standard (DE)

Accessori per saldature

0 Articolo

Informazioni generali sulla saldatura

L'umanità ha saldato per migliaia di anni. Questo più antico processo di legatura dei materiali per unire i metalli era già utilizzato intorno al 3200 a.C. in Mesopotamia per unire parti in oro. Le finestre delle chiese o le canne d'organo sono esempi di tecniche di saldatura medievali.

Contrariamente alla credenza popolare, la saldatura non è un legame del metallo con il metallo adesivo. Si tratta infatti di una lega del metallo di giunzione (saldatura) con le superfici delle parti da unire. L'incollaggio avviene solo durante la saldatura quando le temperature sono troppo basse - i cosiddetti giunti a saldare a freddo vengono allentati anche a bassi carichi.
 
Saldatura dolce
La saldatura a temperature fino a 450 °C è detta saldatura dolce. E' il processo più utilizzato nel settore del fai-da-te. La saldatura dolce viene effettuata con lampade di saldatura e saldatrici elettriche o a gas con potenze comprese tra 15 e 500 W.
Le saldature morbide sono generalmente costituite da stagno e piombo; per la maggior parte dei collegamenti, si utilizza il cosiddetto LSn 40 Pb del 40 % di stagno e 60 % di piombo, mentre l'LSn 60 Pb è utilizzato nell'elettrotecnica. Le leghe brasanti sono fatte di leghe metalliche in modo che, se riscaldate, diventano gradualmente liquide e non si fondono o si solidificano bruscamente come nel caso di un metallo puro.


Brasatura
Per brasatura si intende la saldatura a temperature superiori a 450 °C. Le cuciture brasate possono raggiungere resistenze elevate, difficilmente inferiori a quelle delle cuciture saldate. I dispositivi di brasatura sono esclusivamente dispositivi di brasatura a gas, riscaldati con fiamme di propano, butano o acetilene, spesso supportati dall'ossigeno della bottiglia per raggiungere temperature più elevate. Istruzioni più dettagliate sulla brasatura si trovano nei relativi manuali tecnici.


Quali metalli possono essere saldati?
Alcuni metalli sono più facili da saldare di altri. Le ragioni sono due.
La saldatura che deve unire i metalli è costituita da piombo e stagno. Alcuni metalli, come il rame, sono chimicamente compatibili con il piombo e lo stagno. La loro struttura cristallina si combina facilmente con quella della saldatura durante il processo di saldatura. Questi metalli sono quindi denominati anche "saldabili".
Anche lo strato di ossido che forma un metallo e che deve essere rimosso prima della saldatura ne influenza la saldabilità. L'alluminio forma un nuovo strato di ossido solo pochi secondi dopo essere stato strofinato con carta smerigliata e quindi non è saldabile con saldature e flussi convenzionali.


Sono facili da saldare:
Latta (lamiera stagnata)
Rame, ottone, zinco o acciaio per molle con flussi a base di clorzinco
Alluminioacciaio inox e ghisa possono essere saldati solo con flussi speciali e dopo speciali trattamenti preliminari. Cromo, titanio e silicio sono difficilmente saldabili o non saldabili.


Saldatore
Lo strumento probabilmente più importante dell'estremità di saldatura è il saldatore. Ora ci sono ferri che si differenziano per le loro prestazioni e per le temperature raggiunte sulla punta di saldatura: I saldatori con una potenza di 15 W raggiungono temperature di circa 320 °C, i ferri da 30 Watt quasi 400 °C e un saldatore con 60 W anche 480 °C.
Quando si sceglie il saldatore appropriato, va ricordato che la temperatura della punta di saldatura non è la stessa della temperatura di lavoro (la temperatura che il metallo riscaldato dal saldatore raggiunge dopo poco tempo). Come regola generale, la temperatura di lavoro del saldatore è dal 50 al 60 % al di sotto della temperatura massima della punta di saldatura. La punta di un saldatore da 15 W sarà in grado di riscaldare una superficie così piccola da far fondere la saldatura. La punta di un pistone da 60 W, invece, produrrà anche le temperature di fusione richieste su una superficie più grande.
Questo significa che un pallone da 15 watt è sufficiente per saldare a punti, saldare su fili sottili, ecc. La punta di un pallone da 60 watt, d'altra parte, produrrà anche le temperature di fusione richieste su una superficie più grande. Se i fili hanno uno spessore superiore a 2 mm o se si devono saldare lamiere sottili, si raccomanda una potenza di almeno (!) 30 W. Se si desidera installare occasionalmente tubi dell'acqua, è necessario utilizzare un saldatore a gas o un saldatore da 100 a 150 W di potenza.
Punte di saldatura
Lo strumento vero e proprio per la saldatura dolce è senza dubbio la punta di saldatura. La forma corretta, la perfetta conduzione del calore, la qualità impeccabile e l'affidabilità determinano la qualità della saldatura.
La classica punta di saldatura è realizzata in rame. E 'molto conduttivo di calore e poco costoso, ma ha anche degli svantaggi. Si ossida fortemente quando esposto al calore e rilascia particelle di rame nella saldatura fino alla completa erosione.
Le punte di saldatura permanenti Ersadur sono realizzate per un funzionamento continuo e una lunga durata. Le punte sono placcate con uno strato di ferro e protette contro la corrosione da un ulteriore strato di cromo. Le punte di saldatura permanenti dovrebbero sempre rimanere bagnate con la saldatura, altrimenti diventano facilmente passive e non accettano più bene la saldatura. Una volta che questo è successo, possono essere riattivati con il flusso e la saldatura. Per questo A questo scopo avvolgere un po' di filo per saldatura con anima di flusso intorno alla punta fredda e riscaldarsi in seguito. Per la saldatura multipla si consiglia di acquistare una punta di saldatura permanente più costosa o la versione "Longlife" della punta di saldatura.
Flusso
Senza flusso non c'è un giunto di saldatura stabile. Quasi tutti i metalli formano un sottile strato di ossido sulla loro superficie quando sono esposti all'aria. Dal momento che la saldatura dovrebbe legarsi con la superficie metallica, questo strato è disturbante. Il compito del flusso è quello di rimuovere lo strato di ossido e prevenire la riossidazione immediata. Allo stesso tempo, il flusso impedisce anche l'ossidazione istantanea del liquido di saldatura, che ne impedirebbe il flusso.
La maggior parte dei saldatori fai-da-te e radiofonici hanno già un riempimento di flusso, la cosiddetta anima. Per saldare con queste saldature non è necessario alcun flusso addizionale o lo è solo in minima parte.
L'acqua e il grasso di saldatura sono flussi aggressivi a base di clorozinco (ZnCl2). L'acqua di saldatura è una soluzione ZnCl2 diluita con acqua, mentre il grasso di saldatura è un grasso minerale in cui sono incorporate piccole gocce di acqua di saldatura altamente concentrata. Poiché entrambi i flussi attaccano non solo il metallo, ma anche il successivo giunto di saldatura, i loro residui devono essere rimossi dopo la saldatura.

 

Come saldare
Il primo passo è la preparazione del saldatore: la sua punta deve essere almeno priva di residui di calcare o di fondente. Si consiglia inoltre di ristagnarli di nuovo prima della saldatura: Per fare questo, tamponare un po 'di saldatura sulla punta di saldatura a caldo fino a quando una goccia pulita si è formata.
Quindi pulire bene le parti da unire (spazzola metallica, carta vetrata....). Rimuovere il grasso (ad es. impronte digitali) ecc. con acqua e sapone o alcool. Non utilizzare detergenti! Sempre più detergenti contengono silicone. Il silicone sigilla le superfici e impedisce la saldatura. Quindi "lucidare" i metalli, cioè rimuovere lo strato di ossido, ad esempio con carta vetrata o acido citrico diluito (disponibile in farmacia; 1 cucchiaio di acido citrico a 1 l di acqua, può essere riscaldato fino a 80 °C, che accelera la "lucidatura").
Poi applicare il flusso e riscaldare il giunto di saldatura con il dispositivo di saldatura, aggiungendo un po 'di saldatura, la saldatura dovrebbe scorrere sottile sulla superficie di saldatura. La saldatura dovrebbe fondere sul metallo e non sulla punta di saldatura. Le parti vengono poi fissate ad una base ignifuga in modo tale da non scivolare (ad esempio con la terza mano) anche se vengono a contatto con il saldatore.
Infine, collegare: riscaldare il cordone di saldatura con la lampadina o la lampada di saldatura e aggiungere stagno di saldatura fino a quando non viene effettuata una connessione. Particolarmente importante: per evitare la saldatura a freddo, le parti da unire alla cucitura devono essere così calde che la saldatura si scioglie senza il saldatore.
Ho quasi finito. Il pezzo in lavorazione deve ora rimanere in posizione libera da oscillazioni fino a quando non si è raffreddato. Altrimenti la cucitura può diventare fragile. Infine, risciacquare i residui di flusso con acqua.
Altri due punti fondamentali:
Il flusso evapora nuovamente se il giunto di saldatura rimane caldo per troppo tempo. Inoltre, la saldatura si ossida anche se viene riscaldata troppo estesamente. Si formano quindi giunti di saldatura in cui la saldatura viene smussata subito dopo la saldatura. Tali saldature devono essere separate immediatamente, poiché non durano a lungo. Il processo di saldatura vero e proprio dovrebbe quindi essere eseguito abbastanza rapidamente (la durata ottimale per un giunto a saldare spot è di circa 2 secondi, più di 5 secondi è assolutamente troppo).
La saldatura ha successo solo se la saldatura è completamente fusa ovunque. Questo significa che per due parti metalliche di dimensioni diverse o robuste, il più grande o più forte deve essere "preriscaldato" più a lungo con il saldatore rispetto a quello più piccolo. Un riscaldamento uniforme di entrambi i metalli è un prerequisito per un flusso uniforme della saldatura!
Ben saldati?
Con un controllo visivo si può vedere se un giunto saldato è diventato veramente buono. Con un buon giunto di saldatura, la saldatura viene completamente fusa sul metallo durante la saldatura e riempie il giunto in modo uniforme. Deve essere scorrevole sulla superficie metallica, come una goccia d'acqua che ha perso la tensione superficiale a causa del liquido di lavaggio.
I grumi di saldatura non utilizzati, i giunti parzialmente ancora aperti o le "ammaccature" sui metalli causate da una saldatura eccessiva possono essere indicazioni che la saldatura dovrebbe piuttosto essere ripetuta di nuovo.....
....mentre una prova di rottura "riuscita", in cui il giunto di saldatura sembra aver fallito, specialmente con fili sottili o lamiere metalliche saldate da un giunto di testa, non indica necessariamente un cattivo giunto di saldatura: un giunto a saldatura dolce è principalmente un giunto di trasmissione, di tenuta o di fissaggio, che dovrebbe condurre, ad esempio, elettricità o calore. Non è adatto per carichi elevati e permanenti di trazione, compressione e taglio. In questi casi, si dovrebbe usare la brasatura o la saldatura.
È meglio scoprire in pratica quanta saldatura è necessaria per quale giunto di saldatura e più cose del genere. Basta sedersi, riscaldare il saldatore e provare diversi metalli in diversi spessori e qualità. Si sviluppa rapidamente una sensazione di giusta quantità e tempistica.