Lino per rilegatura

0 Articolo

L'aura speciale di un libro rilegato è dovuta non da ultimo al tessuto di rilegatura. A partire dal XIX secolo, i libri sono stati rilegati in tessuto solo dall'inizio del XIX secolo. In precedenza esistevano principalmente rilegature in pelle, che sono state modellate sulle prime rilegature in tessuto. Solo negli anni '30 del XX secolo si è affermata la rilegatura naturale in tessuto non spalmato. Questa è stata tessuta prima con lino o cotone, poi anche con rayon.

La biancheria per la rilegatura di libri (breve: stoffa per libri) è di solito prodotta nella cosiddetta armatura semplice. I fili d'ordito, che percorrono l'intera lunghezza del tessuto, cioè nella direzione di marcia del tessuto, sono tessuti con i cosiddetti fili di trama, che si trovano ad angolo retto rispetto ad essi.

Conosciamo il rayon come una fibra nella produzione di abbigliamento, solo che lì si chiama viscosa. La viscosa, e lì il cerchio si chiude alla carta, è ottenuta con un processo chimico dalla pasta di legno, filata in un filo, tessuta in una tela tessuta e tinta. In due ulteriori fasi di produzione, la biancheria da libro viene prodotta dal tessuto risultante: viene spalmata con una massa di amido, farina, coloranti e cariche minerali dal retro e poi laminata con carta. Se il "lino" è ancora trattato nella calandra lisciante dopo la laminazione - questa è una sorta di macchina da stiro fatta di rulli metallici riscaldati - è un po' più adatta per la stampa o la goffratura.